Dry by Pisacco

Per una sera, durante il Salone del Mobile, ci siamo ritrovati davvero in un posto senza tempo. Un bancone, un barman e i suoi cocktail, di una qualità impareggiabile. Insomma quello che davvero conta a fare un grande locale. Emozioni contrastanti, eccitazione e scetticismo ci hanno accompagnato nel breve viaggio, in stile “caccia al tesoro” che ci ha portato in quello che sarà il Dry by Pisacco. Il bar del celebre ristorante Pisacco di via Solferino, aperto quest’autunno dallo chef stellato Andrea Berton (vedi post Pisacco). Sì perché Dry by Pisacco, sarà inaugurato a maggio, ma in occasione della Design Week è stata concessa una “sbirciatina”, a quella che siamo sicuri diventerà la nuova mecca della notte meneghina.

Dry by Pisacco Barman

Così ci siamo ritrovati in un cantiere ancora aperto, tra sussurri e sguardi disorientati all’ingresso, trasformatisi una volta varcata la soglia, in espressioni di sorpresa e compiacimento. Cocktail sublimi, eseguiti in modo impeccabile,  serviti in bicchieri dalle forme perfette. Il mio preferito è stato l’American Soda al profumo di arancio. La perfezione del gusto unito alle luci bassissime e all’atmosfera surreale hanno fatto tornare alla mente i bar americani negli anni del proibizionismo.

Non voglio svelare il luogo segreto, ma vi do un indizio “i frutti non cadono mai lontano dall’albero”.

Dry by Pisacco

Per scoprire la location scrivete una mail a dry@pisacco.it

Annunci